COD: N/A Categorie: ,

LATTA PER CAPSULE/CIALDE

Barattolo contenitore in latta porta cialde, porta capsule da caffè colorato.
Utile per la tua dispensa e per conservare il caffè miscelato o le tue cialde o capsule.

Disponibile in 3 colori: bianco, rosso o nero e in due misure: 14x8x19 o 17x10x22

Per dare un’dea della capienza:  la latta piccola può contenere 10 cialde 44 confezionate singolarmente o 45 capsule nespresso sfuse.

Nella grande esattamente il doppio.

4.505.50

Con questo acquisto guadagnerai 22-27 punti che valgono 0.22-0.27!
Con questo acquisto guadagnerai 22-27 punti che valgono 0.22-0.27!
Svuota
Quantità:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “LATTA PER CAPSULE/CIALDE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Cappuccino: le origini

Il nome si riferiva alla somiglianza con l’abito marrone dei cappuccini, nati dalla corrente francescana e quindi ispirati ad un modello di vita fatto di privazioni e umiltà: abbigliamento povero, barbe lunghe e incolte, questi preti erano soliti vagabondare coperti da un cappuccio (distinguibile da quello di altri ordini poiché molto più piccolo). La loro tonaca era di un colore marrone chiaro, ovvero proprio del colore dei nostri odierni cappuccini.

Pare che l’idea del cappuccino sia venuta da una preparazione viennese detta “Kapuziner”, a base di caffè, panna montata e spezie, attestata dalla fine del XVIII secolo, poi adattata nei territori di Trieste e negli altri possedimenti italiani austroungarici. La diffusione del cappuccino italiano risale comunque agli anni trenta del Novecento.

A creare la bevanda pare sia stato il monaco cappuccino Marco D’Aviano, confidente dell’imperatore asburgico Leopoldo I.
Alla fine dell’assedio di Vienna nel 1683, i turchi abbandonarono sul campo interi sacchi di caffè; fu il soldato Franciszek Jerzy Kulczycki a requisirli e aprendo a Vienna, l’anno dopo, la prima vera caffetteria europea: il Fiasco BluQui capita un giorno padre D’Aviano e non riuscendo a bere il caffè nero, chiese qualcosa per addolcirlo, creando quindi la miscela di crema, spezie, caffè e zucchero (qualcuno dice persino zabaione) che venne chiamata da Franciszek kapuziner, dal colore della tonaca del frate.
La vera e propria diffusione del cappuccino come lo beviamo oggi, tuttavia iniziò solo nei primi anni del Novecento quando un italiano, Luigi Brezzera, inventò la prima macchina espresso per il cappuccino, nel 1901.

A confermare indirettamente questa versione c’è anche un testimone eccellente: il commediografo napoletano Eduardo De Filippo (1900-1984) che in una sua commedia, Questi fantasmi, definisce il cappuccino colore di manto di monaco.
Va aggiunto che quest’ordine di frati era a Vienna molto stimato, tant’è che tutti gli imperatori asburgici sono sepolti nella cappella dei cappuccini.
Una certezza è che il primo cappuccino fu fatto con la panna; l’aggiunta di latte è arrivata probabilmente solo nell’800, poiché tutte le fonti storiche concordano nel dire che prima di quel momento il latte veniva usato solo per la creazione di formaggi e non come bevanda.